La scia di mezzenotti
travalica la borsa di voci
masticate che ho portato
solo per te.

Divertimi una matassa,
agitami un disimpegno,
implora le mie scapole
mentre piango i tuoi talloni.

A patti chiari
si arriva domi,
e con i denti
ancora scaltri
e impenitenti.