Dove muoiono le farfalle?

Hanno vita breve,
un giorno,
quindi muoiono di notte,
al buio.

Ogni mattina dovremmo trovare
prati, strade, laghi di farfalle morte.
Invece no.

Forse non muoiono,
oppure svengono al crepuscolo
e rinascono falene di notte,
un po’ come i morti viventi.
E rimangono condannate alla notte.

Forse è così,
perché non ho mai visto
una farfalla piroettare in volo
e cadere a terra morta.

Magari si dissolvono
e di loro non resta nulla.

O altre farfalle le prelevano
e le portano nei cimiteri di farfalle.

Vivere un giorno è troppo poco,
io non concluderei nulla.
Invece le farfalle sanno già come morire
e sono più colorate di me.

Vorrei rinascere farfalla,
ma prima dovrei morire
e dopo un giorno morire ancora.
Non so, ci penso.

E mentre penso
scopro che le farfalle vivono poco si,
ma non un giorno solo.
Era solo la mia fantasia
che si spacciava per argomento scientifico.

Esistono però degli insetti
che si chiamano, appunto, “Effimere”
e vivono un giorno solo.

Accontentiamoci.

Rileggete la poesia
sostituendo alle farfalle
le effimere.

Certo, si scombina tutto,
i versi diventano irregolari,
le immagini sbiadiscono,
cade tutto il ragionamento.

Facciamo così:
io ve l’ho detto.
Scegliete voi se preferite
la verità scientifica
o la poesia inesatta.