Nella folla molecolare di soste,
di precipizi
e di solitudini
non c’è arcobaleno che mi pruda le nocche.
non c’è lana che mi dia filo da torcere.
non tepore, non oblio.