Quando ci siamo conosciuti
avevo le calze bucate
e tu non potevi accettarlo

(la vita è cosi semplice di suo
che una calza forata può essere
un buco nero d’umori
ed argomenti per parlare
del degrado
della società contemporanea)

Mi hai regalato tre paia di calze.

Calzavano bene, non lo nego.

Ma non ti vedo da allora.

Stamattina, dopo tanto,
ho visto che un paio si è bucato,
il secondo anche
ed il terzo si sta sfilacciando.

Ho capito bene:
mi hai regalato tre buchi nuovi
e se ci guardo dentro
non ci sei tu,
ma il mio alluce smanioso
d’aria.

Certo, potrei anche comprare
delle calze nuove e
ringraziarti per la premura
con una lettera raccomandata
con ricevuta di ritorno.

Ma di te
mi son rimasti solo
i buchi,
che non posso ringraziare.